15Dicembre

Cosa è il reiki

Cosa è il reiki

Cosa è il Reiki? Il Reiki è una tecnica di origine giapponese, immediata e naturale, che permette di riequilibrarsi e di ritrovare benessere psichico e fisico utilizzando semplicemente le proprie mani.

Più in particolare il Reiki è una semplice ed efficace tecnica di riduzione dello stress, di rilassamento e di ripristino della salute fisica attraverso l’uso della cosiddetta “energia universale”, ovvero l’energia che permea l’universo e costituisce il “mattone” fondamentale di ogni cosa vivente o inanimata, come ben ha descritto la fisica moderna.

Il Reiki è definito come una tecnica di guarigione, in quanto, l’energia si può trasmettere ad altre persone e può essere utilizzata dal reikista su di sé. Proprio in questo sta la bellezza del Reiki: nella sua versatilità, nella possibilità di adattarne tempi e modi alle proprie esigenze ed al proprio stile di vita, come un dono fatto a se stessi ed agli altri
 Il Reiki non ha dunque nulla a che vedere con religioni, sette e filosofie, ma è invece una semplice tecnica che chiunque può praticare, ed ha come punti di forza principali:
  – l’estrema semplicità, con la conseguente facilità dell’apprendimento e dell'esecuzione
 – l’immediata verifica delle sue possibilità già dopo i primi trattamenti si posso sentire i benefici
 – la potente azione riequilibrante che si manifesta anche a livello emotivo e mentale della persona;
 – l’assenza di controindicazioni
Il Reiki fin dalle sue origini è organizzato in 3 livelli, tuttavia il primo livello è quello fondamentale
L’energia di cui si parla più sopra non è quella propria dell’operatore ma è prelevata all’esterno di esso e canalizzata (attraverso i canali che tutti abbiamo, e che sono ben conosciuti da coloro che praticano agopuntura o Shiatsu) nelle braccia e fino alle mani, dalle quali fuoriesce per curare l’operatore stesso (se le mani saranno appoggiate su di lui) o un’altra persona. In pratica l’operatore Reiki è come un filo della luce. Durante il corso che ho seguito viene spiegato, in modo semplice, che l'operatore viene connesso con la fonte primaria (la rete elettrica…) dalla quale può attingere ogni volta che vuole e nelle quantità necessarie, lasciando che l’energia scorra dolcemente dentro di sé per uscire dalle mani. Non sono quindi necessarie doti personali, tutti posseggono “l’impianto elettrico”, occorre solo connetterlo. L’elettricista che effettuerà la connessione è l’insegnante di Reiki, per mezzo di un’apposita tecnica Reiki applicata su ogni allievo singolarmente: tale momento viene chiamato in vari modi, per esempio “attivazione”, e da quel istante l’energia scorre attraverso l’allievo, che impara a farla partire e ad usarla. Per questo è così veloce imparare il Reiki: perché viene “dato”, più che imparato.